Cessione di ramo d’azienda illegittima: natura delle spettanze dei lavoratori | Lavoro Lex - Studio Legale
685
post-template-default,single,single-post,postid-685,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Cessione di ramo d’azienda illegittima: natura delle spettanze dei lavoratori

Cessione di ramo d’azienda illegittima: natura delle spettanze dei lavoratori

Giuseppe Colucci – Avvocato, Cultore del diritto del lavoro presso l’Università di Modena

page1image26211072

Nel presente contributo si analizzeranno diversi aspetti dell’illegittimità del trasferimento del ramo d’azienda, a partire dall’esame dell’eccezione di incostituzionalità, la mora credendi, la natura retributiva o risarcitoria delle somme dovute ai lavoratori ceduti illegittimamente, nonché l’efficacia liberatoria del pagamento dell’azienda cessionaria.

Visualizza il PDF